HOMEPAGE| La FLORA| Ambiente| Paesi| Villacidrese| Guspinese| oOOo--(-)--oOOo| METEO| Economia| Cultura| Ambiente|

Prunus avium L. 

Famiglia Rosaceae 

 

Nome comune

Ciliegio selvatico

 

Nome Sardo

Cerexia budra (Villacidro - Sard. merid.), Ceresia (Ogliastra - Sardegna merid.)), Ceresia niedda (Sard. merid.), Kariàsa areste (Bolotona  – Padria), Kariàsa imbriaga (Logudoro), Ariasa agreste (Oliena), Ghinda (Logudoro).

 

Notizie generali

Specie coltivata.

Il ciliegio coltivato è derivato da quello selvatico, quest’ultimo originario dell’Asia occidentale,  è stato importato in Sardegna da tempi molto antichi.
Dalla specie selvatica sono state ricavate, mediante innesti, tutte le varietà oggi coltivate. In Sardegna tale  cultura  è sviluppata nei paesi di: 

Villacidro – Burcei – Bonnanaro – Aritzo – Gadoni – Lanusei. 

Il ciliegio predilige le zone fresche e luminose e sopporta bene anche i freddi.

La coltivazione del ciliegio, è particolarmente sviluppata nel villacidrese, nella località “Villascema”. In tale località, ma anche nelle altre parti della Sardegna sono coltivate le seguenti qualità: 

  1. Primaritza
  2. Cererxia lada o Cerexiedda

e la rinomata Barraccocca, con le seguenti varietà: 

  1. Barraccoca sarda
  2. Barraccocchina
  3. Regina
  4. Coru de piccioi
  5. Durone (Cerexia de spiritu)

Inoltre, sono state introdotte anche le seguenti qualità continentali, europee e di oltre oceano: 

  1. Quarantina
  2. Durone nero di Imola
  3. Precoce di Matera
  4. Napoleone
  5. Giorgia
  6. Swetter      (Americana)
  7. New Star   (Americana)
  8. Ferrovia      (Pugliese)

e la  Bigareau (francese) con le seguenti varietà:

  1. Burlat             (francese)
  2. Moreau          (francese)
  3. Napoleon       (francese)

Il legno del ciliegio è  di colore bruno rossiccio, pesante e duro,  molto pregiato e poco comune.

 

 

Ciliegio coltivato - portamento

Portament

Albero a foglia caduca, alto fino 5-7 metri, chioma piramidale, rada e di colore verde chiaro.

 

 

Ciliegio coltivato - corteccia

Corteccia

Da giovane è liscia, lucida  e di colore grigio-bruna scura, mentre da adulta si sfalda in strisce orizzontali.

 

 

Ciliegio coltivato - foglie

Foglie

Caduche, sottili, alterne, di colore verde lucente,  pendenti, lungo picciuolo 2-4 cm, con alla base due ghiandole rossicce, lamina da obovato-oblunga a ellittica, doppiamente seghettate ai margini, appuntite e lunghe 7-15 cm.

 

 

Ciliegio coltivato - fiori

Fiori

Ermafroditi, riuniti in gruppi di 2-4, si sviluppano poco prima delle foglie sui rametti secondari dell’anno precedente;  di colore bianco,  con  lungo peduncolo, 3-5 cm che accompagnerà il frutto.
Fioritura marzo-aprile.

 

 

ciliegio coltivato - frutti

Frutti

Drupa sferica pendula, ciliegia, dimensioni 2-3 cm, a maturazione di un colore che va dal rosso vivo lucido al rosso cupo, quasi nero, liscia, dolce e commestibile. I frutti,  in genere sono raggruppati in 2-4  con un lungo peduncolo di 3-5 cm.  

© G. P. Madau 2005