HOMEPAGE| La FLORA| Ambiente| Paesi| Villacidrese| Guspinese| oOOo--(-)--oOOo| METEO| Economia| Cultura| Ambiente|

Fraxinus oxycarpa Bied.

Famiglia Oleaceae 

Nome comune

Frassino meridionale

 

Nome Sardo

Linnarbu (Villacidro - Sard. Mer. - Ogliastra), Abiu a folla longa (Iglesiente), Frassinu (Iglesiente-Fluminese), Frassu de manna (Campidano), Oga (Sard. Merid.), Frassu (Goceano-Gallura), Frassinu (Sassarese), Frascinu (Sard. Sett.), Ollastu de arriu (Fluminese), Ollastu de rumini, Ozzastru de ribu.

 

Notizie generali

Pianta indigena.
E’ un albero a foglia caduca e si sviluppa nella regione mediterranea ed Europa centro-settentrionale.
In Sardegna lo troviamo nelle zone particolarmente fresche, consociato ai boschi di leccio e roverella  fino alle zone interne montane.
Si distingue dagli altri frassini per i fiori grandi e vistosi.
L’orniello è definito anche  “albero della manna”, poiché produce la “manna”, una gomma giallastra che essuda dalle foglie e dalle ferite della corteccia.
La manna trova impiego nell’industria dolciaria e anche trasformata in sciroppo lievemente lassativo.

 

 

Frassino - portamento

Portamento

Alberello alto fino a 15 metri, tronco dritto, rami opposti,  chioma fitta e rigogliosa, rotondeggiante di colore verde-smorto, legno resistente ed elastico.

 

 

Frassino - corteccia

Corteccia

Grigio, ruvida e screpolata da adulta.

 

 

Frassino - Foglie

Foglie

Caduche, opposte, imparipennate, lanceolate, margini seghettati, lunghe 15-25 cm, a gruppi di 5-9, sottili, di colore verde chiaro, picciolo corto, pelose nella pagina inferiore lungo la nervatura principale.

 

 

Frassino - fiori

 

 

Fiori

Ermafroditi, dolcemente profumati, piccoli con petali lunghi 5-6 mm, di colore bianco-crema, riuniti in  vistose infiorescenze a pannocchie apicali erette lunghe fino a 20 cm.
Fioritura: aprile-maggio

 

 

Frassino - frutti

Frutti

Samara oblunga,  lungamente alate all’apice, lunga 2-3 cm, di colore bruno scuro, a notevoli gruppi che restano sull’albero fino alla primavera.

© G. P. Madau 2005