HOMEPAGE| La FLORA| Ambiente| Paesi| Villacidrese| Guspinese| oOOo--(-)--oOOo| METEO| Economia| Cultura| Ambiente|

Chamaerops humilis  L. 

Famiglia Palmae 

Nome comune

Palma nana

 

Nome Sardo

Prama (Villacidro –  Sard. merid. - Ogliastra), Pramma ‘e iscovas (Fluminese), Parma (loc. div.), Parma de S. Perdu Martiri (Nurra), Parmas (Logudoro), Pramma (Goceano – Logudoro), Pramma agreste (Barbagie), Prammittu (Logudoro),  Buatta (loc. div.).

 

Notizie generali

Specie indigena tipica della macchia mediterranea.
Arbusto o cespuglio sempreverde considerato uno dei più antichi esemplari della flora della fascia mediterranea, ed è l’unica palma originaria dell’Europa.
E’ originaria dell’Italia meridionale, della penisola iberica e dell’Africa settentrionale.
Dal punto di vista naturalistico è un’essenza molto importante perché  è’ un relitto di epoche antiche più calde ed aride dell’attuale, infatti la presenza di questa pianta in Sardegna risale a circa 60 milioni di anni fa.
Le grandi glaciazioni che interessarono la terra provocarono l’estinzione della specie in Italia e in Sardegna, ma la Palma nana riuscì a sopravvivere nel Nord dell’Africa per il clima molto più caldo. Grazie agli uccelli migratori, che probabilmente riportarono i semi  in Sardegna e in Italia, la Palma nana si è riprodotta e conservata fino ad oggi, seppur in forma limitata.
In Sardegna, elemento di disturbo e distruttore di questa pianta sono senz’altro gli incendi che anno dopo anno compromettono l’esistenza e la riproduzione della specie, insieme al pascolo e all’agricoltura intensiva.
In Sardegna la Palma nana è autoctona e vegeta prevalentemente nelle zone costiere occidentali; essendo una specie xerofila predilige esposizioni soleggiate, falesie e dirupi aridi,  terreni sciolti,  sabbiosi e sassosi; mentre non sopporta il freddo intenso.
E’ una specie coltivata nei vivai forestali e viene utilizzata nei rimboschimenti , ma il suo uso è prevalentemente  per scopi ornamentali nei giardini, parchi, ville e villaggi marini.
Allo stato spontaneo raggiunge l’altezza di 2-3 metri, mentre, quando è coltivata e potata, raggiunge dimensioni considerevoli, anche 7-8 metri.

 

 

Palma nana - portamento

Portamento

Arbusto o cespuglio alto fino a 2-3 mt, di colore verde scuro, spesso con portamento a pulvino.

 

 

Palma nana - corteccia

Corteccia

Di colore rossiccia e molto fibrosa.

 

 

Palma nana - foglie

Foglie

Rigide e a ventaglio in 10-20 segmenti lanceolati, lunghi 40-70 cm,  appuntite, coriacee e di colore verde scuro; lungo picciolo, robusto e spinoso ai margini.

 

 

Palma nana - fiori

Fiori

Specie dioica (pianta con fiori solo maschili o femminili) a infiorescenze unisessuali; maschili e femminili numerosi e  raccolti in pannocchie di colore giallo.
Fioritura: aprile-maggio

 

 

Palma nana - frutti

Frutti

Drupe, datteri rotondi o ovoidali, scarsamente polposi, numerosi e non commestibili su alberi femminili;  lunghi 1,5-3 cm, lucidi e di colore verde, poi giallo e marrone a maturità. Unico seme, grande poco meno del frutto.

 

 

Palma nana - habitat

Ambiente costiero della Sardegna occidentale, tipico della Palma nana.

© G. P. Madau 2005