HOMEPAGE| La FLORA| Ambiente| Paesi| Villacidrese| Guspinese| oOOo--(-)--oOOo| METEO| Economia| Cultura| Ambiente|

Boschi della Sardegna

Arboricoltura da legno

L'arboricoltura da legno è quella tecnica agraria che consiste nel coltivare alberi per la produzione di legno.
In Sardegna la specie che viene utilizzata per tale scopo è l'Eucaliptus.

E’ una pianta esotica sempreverde originaria dell’Australia e fu importata in Italia nel 1803.
Il genere Eucaliptus comprende circa 500 specie ma in Sardegna ne sono coltivate soprattutto due:

Eucaliptus Camaldulensis (Rostrato)

 Impianto giovane di Eucaliptus camaldulensis
Viale frangivento di Eucaliptus camaldulensis


L'Eucaliptus Camaldulensis è il più diffuso perché resistente alla siccità e a terreni argillosi e salsi. Un tempo veniva piantato nelle zone paludose per combattere la malaria, malattia molto diffusa in Sardegna, infatti si credeva fosse capace di purificare l’aria con le sue emanazioni balsamiche.
Col tempo questa credenza è stata smentita, ma ha comunque favorito la coltura di queste piante su tutto il territorio regionale.
In Sardegna questa pianta è ampiamente utilizzata per arboricoltura da legno, per viali frangivento, per paleria e sporadicamente nei rimboschimenti, ma sempre come viale frangivento.

 

 Viale frangivento di Eucaliptus camaldulensis
Viale frangivento di Eucaliptus camaldulensis

 

E' una specie che non sopporta i venti freddi e le basse temperature, quindi è coltivata diffusamente nelle pianure della Sardegna, particolarmente nel Campidano, soprattutto nell'oristanese, in quelle aree sottoposte a bonifica nell'epoca fascista (Arborea).

 

 Fiori  Eucaliptus  camaldulensis
Frutti  Eucaliptus  camaldulensis

 

 

Eucaliptus globulus

 Foresta di Montimannu - Villacidro
Eucaliptus globulus
 Foresta di Montimannu - Villacidro
Eucaliptus globulus

 

Fiori Eucaliptus globulus
 Frutti Eucaliptus globulus


L'Eucaliptus globulus è presente in Sardegna ma molto meno del Camaldulensis.  E’ una specie a rapido accrescimento, richiede suoli sciolti, profondi e ricchi d’acqua ed è coltivato prevalentemente per arboricoltura da legno,  per viali frangivento e sporadicamente nei parchi, giardini e rimboschimenti.
Le foglie hanno proprietà balsamiche, espettoranti, antisettiche; da esse si estrae un’essenza utilizzata in campo farmaceutico.

© G. P. Madau 2005